Karajan

Manifesto TSSOR - Manifesto Karajan

Karajan, il suono e i media

Cesare Fertonani

6 febbraio 2017, ore 17.00

Sapienza – Università di Roma, Aula “Nino Pirrotta”

IV Piano della Facoltà di Lettere e Filosofia, Piazzale Aldo Moro 5

Abstract

Tra i protagonisti della direzione d’orchestra del Novecento, Herbert von Karajan (Salisburgo 1908 – Anif 1989) è stato una figura assai controversa e problematica: un’icona e al contempo un enigma. Al di là del significato e del valore stesso che oggi si possono attribuire alla sua attività nonché alla sua eredità di direttore d’orchestra, Karajan rimane comunque una personalità di cruciale importanza non soltanto nella storia dell’interpretazione ma anche – e forse soprattutto – in quella della registrazione, della diffusione e della commercializzazione mediatica della musica. Come nessun altro, infatti, Karajan ha saputo sfruttare attivamente, da un punto di vista strategico e commerciale ancor prima che artistico e culturale, la mediazione tecnologica (audio e video) della musica, affermandosi come il direttore d’orchestra più influente, almeno per ciò che riguarda l’idea del suono e delle tessiture orchestrali, tra la seconda metà degli anni Cinquanta e gli anni Ottanta.

  1. Un direttore simbolo
  2. Karajan 1, 2 e 3
  3. Il repertorio tra Schubert e Mahler
  4. Un idea di suono
  5. Lo stile interpretativo
  6. Un’eredità problematica

Ascolti

• Brahms, Sinfonia n. 1 op. 78 – Philharmonia Orchestra, 1952, Warner Classics 0825646336234

• Schubert, Sinfonia «Incompiuta» D 759 – Philharmonia Orchestra, 1955, Warner Classics 0825646336234

• Richard Strauss, Ein Heldenleben – Berliner Philharmoniker, 1959, Deutsche Grammophon 449 725-2

• Wagner, Lohengrin, Preludio Atto I – Berliner Philharmoniker, 1960, Warner Classics 0825646336234

• Richard Strauss, Metamorphosen – Berliner Philharmoniker, 1969, Deutsche Grammophon 447 422-2

• Mahler, Sinfonia n. 6 – Berliner Philharmoniker, 1975-1977, Deutsche Grammophon 457 716-2

• Čajkovskij, Sinfonia n. 6 «Patetica» op. 74 – Berliner Philharmoniker, 1984, Deutsche Grammophon 439 020-2

• Bruckner, Sinfonia n. 7 – Wiener Philharmoniker, 1989, Deutsche Grammophon 429 226-2

Bibliografia

• Bernard Gavoty, Herbert von Karajan, Aufnahmen von Roger Hauert, Gèneve, Kister, 1956; ed. it. Herbert von Karajan, a cura di Guido M. Gatti, Milano, Ricordi, 1956

• Friedrich Herzfeld, Herbert von Karajan, Berlin, Rembrandt-Verlag, 1959

• Karl Löbl, Das Wunder Karajan, Bayreuth, Hestia, 1965, 19782; «Ich war kein Wunder!»: Herbert von Karajan: Legende und Wirklichkeit, Wien, Seifert, 2014

• Paul Robinson, Karajan, discography by Bruce Surtees, Toronto, Lester and Orpen, 1975

• Ernst Haeussermann, Herbert von Karajan: Eine Biographie, München, Goldmann, 1978, 19832

• Jacques Lorcey, Herbert von Karajan, Paris, Éditions PAC, 1978

• Robert C. Bachmann, Karajan: Anmerkungen zu einer Karriere, Düsseldorf – Wien, Econ, 1983, 19843

• Herbert von Karajan: der grosse Bildband (A Tribute in Pictures / Le livre de photos / Il volume fotografico), Vorwort von Klaus Geitel, s. l., Deutsche Grammophon, 1983

• Roger Vaughan, Herbert von Karajan: A Biographical Portrait, London, Weidenfeld & Nicholson, 1986; ed. it. Herbert von Karajan, trad. di Grazia Lanzillo, Milano, Longanesi, 1986 (poi Mondadori 1988)

• Peter Csobádi (Hrsg.), Karajan oder die kontrollierte Ekstase. Eine kritische Hommage von Zeitzeugen, Wien, Neff, 1988; ed. it. Karajan, ovvero l’estasi controllata: un omaggio critico di testimoni contemporanei, trad. di Carlo Mainoldi, Milano, Vallardi, 1988

• Heinz Götze – Walther C. Simon (Hrsg.), Wo Sprache aufhört… Herbert von Karajan zum 5. April 1988, Berlin, Springer, 1988

• Herbert von Karajan, Mein Lebensbericht, aufgezeichnet von Franz Endler, Wien, J & V, 1988; ed. it. La mia vita, raccontata a Franz Endler, trad. it. di Paola Franceschelli, Roma, Pantheon, 1994

• Richard Osborne, Conversations with Karajan, Oxford, Oxford University Press, 1989; ed. it. Conversazioni con Herbert von Karajan, trad. di Oddo Piero Bertini, Parma, Guanda, 1990

• Wolfgang Stresemann, «Ein seltsamer Mann»: Erinnerung an Herbert von Karajan, Berlin, Ullstein, 1991

• Franz Endler, Karajan: Eine Biographie, Hamburg, Hoffmann und Campe, 1992

• Klaus Lang, Herbert von Karajan: der philharmonischer Alleinherscher, Zürich – St. Gallen, M & T Verlag, 1992

• Gérard Mortier, Hans Landesmann und Heinrich Wiesmüller (Hrsg.), Herbert von Karajan und die Salzburger Festspiele: Dokumentation einer Partnerschaft, 1933, 1948-1949, 1957-1989, mit einer Einleitung von Joachim Keiser, Salzburg, Palladion- Buch im Residenz Verlag, 1994

• Franz Endler – Karl Michael Fritthum, Karajan an der Wiener Oper: Dokumentation einer Ära, Wien, Holzhausen, 1997

• Richard Osborne, Herbert von Karajan: A Life in Music, London, 1998; Boston, Northeastern University Press, 2000

• Herbert von Karajan Centrum (Hrsg.), Amor vincit omnia. Karajan, Monteverdi und die Entwicklung der neuen Medien, Symposium 1999, Wien, Zsolnay, 2000

• John Hunt, Philharmonie Autocrat. The Discography of Herbert von Karajan, London, John Hunt, 2000

• John Hunt, Philharmonie Autocrat. The Concert Register of Herbert von Karajan, London, John Hunt, 2001

• Gerhard Brunner / Charles Barber – José Bowen, Karajan, Herbert von, The New Grove Dictionary of Music and Musicians, Second edition, XIII, 2001, pp. 366-367

• José Antonio Bowen – Raymond Holden, The Central European tradition, in José Antonio Bowen (ed.), The Cambridge Companion for Conducting, Cambridge, Cambridge University Press, 2003, pp. 114-133

• Martin Elste, Karajan, Herbert,Heribert von, in Die Musik in Geschichte und Gegenwart, hrsg. von Ludwig Finscher, Personenteil, IX, Kassel – Stuttgart, Bärenreiter – Metzler, 2003, cc. 1480-1484

• Raymond Holden, The Virtuoso Conductors: The Central European tradition from Wagner to Karajan, New Haven – London, Yale University Press, 2005

• Annemarie Kleinert, Berliner Philharmoniker: von Karajan bis Rattle, Berlin, Jaron Verlag, 2005

• Vittoria Crespi Morbio (a cura di), Karajan: lo stile di un maestro, Torino, Allemandi, 2008

• Eliette von Karajan, Mein Leben an seiner Seite, Berlin, Ullstein Verlag, 2008; ed. it. La mia vita al suo fianco, trad. di Francesca Legittimo, Firenze, Giunti, 2008

• Alessandro Zignani, Herbert vonKarajan: il musico perpetuo, Varese, Zecchini, 2008

• Sylvain Fort, Herbert von Karajan. Une autobiographie imaginaire, Arles, Actes Sud / Classica, 2016

Documentari, DVD

• Karajan. The second life, regia di Eric Schulz, Deutsche Grammophon, 2013

• Karajan, regia di Robert Dornhelm, Deutsche Grammophon, 2008

• Karajan: A Portrait, regia di Gernot Friedel, Ducale, 2001

• Herbert von Karajan: Maestro for the Screen, regia di Goerge Wubbolt, Ducale, 2008

• Čaikovskij, Sinfonie nn. 4, 5, 6, dir. Karajan, Berliner Philharmoniker, Deutsche Grammophon, 2013

• Herbert von Karajan in Rehearsal and Performance, Schumann e Beethoven, Ducale, 2006

• Bruckner, Sinfonie nn. 8 e 9, Wiener Philharmoniker, Deutsche Grammophon, 2008

• Brahms, The Symphonies, Berliner Philharmoniker, Deutsche Grammophon, 2008

• Brahms, Ein deutsches Requiem, interpreti vari, Berliner Philharmoniker, Deutsche Grammophon, 2008

• Richard Strauss, Tone Poems, Berliner Philharmoniker, Sony 2015


 

Video della conferenza

1. 19’55”   –   Ita / sub Eng

 

2. 21.15  –  Ita / sub Eng

 

3. 22.32  –  Ita / sub eng

 


fertonaniok

Cesare Fertonani (Milano, 1962), diplomato in violino (con Armando Burattin) e composizione (con Ivan Fedele) presso il Conservatorio “Giuseppe Verdi” di Milano, si è laureato in Lettere moderne (con Francesco Degrada) nell’Università degli Studi di Milano.

Dal 1993 al 1999 ha insegnato Storia della musica barocca presso la Sezione di Musica Antica della Civica Scuola di Musica di Milano. Dal 1996 al 2005 ricercatore presso la Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università degli Studi di Milano, dal 2005 è professore associato nel Dipartimento di Storia delle arti, della musica e dello spettacolo e dal 2012 nel Dipartimento di Beni culturali e ambientali dove attualmente insegna Storia della musica moderna e contemporanea e Metodologia della critica musicale. Dal 2005 al 2012 è stato vicedirettore del Dipartimento di Storia delle arti, della musica e dello spettacolo dell’Università degli Studi di Milano.

Indirizza i propri interessi di ricerca soprattutto sulla musica del Settecento, in particolare italiana, e dell’Ottocento, occupandosi degli aspetti semantici, rappresentativi e narrativi della musica strumentale.

Tra il 2005 e il 2008 è stato responsabile nel contesto di due progetti di ricerca:

1) Storia dell’opera italiana (Drammaturgia musicale italiana: il teatro musicale a Venezia dal 1637 al 1799), PRIN 2005 (responsabile scientifico: Lorenzo Bianconi; coordinatore scientifico: Francesco Degrada);

2) Il trattamento della voce nella musica colta e nella musica popolare, FIRST anni 2005, 2006, 2007 e 2008 (fondi ex 60%).

Dal 2006 è membro del comitato scientifico di “Molimo. Quaderni di antropologia culturale ed etnomusicologia” (Edizioni Mimesis). Dal 2007 è direttore scientifico della collana di edizioni “Archivio della Sinfonia Milanese”, edita da Ricordi, e membro del Comitato editoriale dell’edizione delle opere di Antonio Vivaldi, pubblicata dall’Istituto Italiano Antonio Vivaldi (Fondazione Giorgio Cini) di Venezia. Dal 2010 è membro del Comitato direttivo del “Saggiatore musicale”. Dirige la collana «Cantar sottile» della Sezione Musica del Dipartimento di Beni culturali e ambientali dell’Università degli Studi di Milano, pubblicata dalla LED di Milano.

Svolge inoltre l’attività di critico musicale per la rivista «Amadeus» e collabora con istituzioni teatrali e concertistiche tra cui il Teatro alla Scala e la Filarmonica della Scala. Dal 1990 al 1994 ha collaborato con il «Corriere della Sera». Dal 2012 è il curatore, come consulente musicologico, del catalogo di Biennale Musica, Venezia.

Fa parte dei comitati direttivi degli Amici di Milano Musica e di AMAMI (Accademia di Musica Antica di Milano) nonché dell’Advisory Committee della Baroque Music Foundation, New York.

È fondatore e membro del comitato d’indirizzo del Centro di ricerca coordinata “Romanticismo e romanticismi”, costituitosi nel 2015 presso l’Università degli Studi di Milano, nonché membro del comitato del Centro Studi Pergolesi dell’Università degli Studi di Milano.

Nel 2016 è stato insignito del Premio Internazionale “Luigi ed Eleonora Ronga” dell’Accademia Nazionale dei Lincei per opere di Musicologia, Storia, Critica ed Estetica Musicale.

Pubblicazioni principali di Cesare Fertonani.

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...